Image
Image
Image

Sentiero di Maria

Da Verona
a Bussolengo

PRIMA TAPPA - 17 Km

Il Sentiero di Maria inizia dalla Basilica di San Zeno, patrono di Verona, e si snoda lungo le sponde verdeggianti del fiume Adige, seguendone l’ansa e lo scorrere placido delle acque che conducono fino a Pescantina. Da lì, il cammino porta al Santuario della Madonna del Perpetuo Soccorso di Bussolengo.
Image

Percorso

17 Km

Image

Tempo

5 ore

Image

Altimetria

Piano

Image

Difficoltà

Facile

Image

Altitudine

da 57 a 110 msml

Image

Fondo

Asfalto e sentiero battuto

Image

Altimetria

Image
Image

Mappa GPX

Image
Image

Audio

Image
Image

Percorso

17 Km

Image

Difficoltà

Facile

Image

Altimetria

Image
Image

Tempo

5 ore

Image

Altitudine

57-110 msml

Image

Mappa

Image
Image

Altimetria

Piano

Image

Fondo

Asfalto, sentiero

Image

Audio

Image

PRIMA TAPPA | Sentiero di Maria

Sentiero di Maria

PRIMA TAPPA

Prima di partire - Consigli per i pellegrini

Il percorso di 17 km è quasi interamente ombreggiato, con alcuni tratti esposti al sole, per cui si raccomanda un equipaggiamento adatto in base alla stagione in cui lo si percorre. Si consigliano pantaloni lunghi anche in estate per via delle piante urticanti presenti lungo le sponde del fiume. Si ricorda che le sponde del fiume non sono praticabili nei periodi di piena dell’Adige e che è bene accertarsi delle condizioni meteo prima di partire.

Fontanelle
Le fonti d'acqua si trovano all’inizio del percorso in piazza Corrubio; dopo circa 4,5 km presso la Diga del Chievo; a Parona sul Lungadige 26 luglio 1944; a Pescantina in prossimità della chiesa di San Rocco. Ricordarsi di riempire la borraccia con almeno 1,5 litri d'acqua, soprattutto in estate.

Servizi di ristoro
Percorrendo il sentiero s’incontrano i centri abitati di Parona, Settimo, Pescantina e Bussolengo che offrono vari servizi di ristoro. Si consiglia comunque di portare con sé cibo e acqua.

Ospitalità
A Bussolengo è possibile chiedere di essere ospitati dai Patri Redentoristi del santuario della Madonna del Perpetuo Soccorso.

Contatti
I Padri Redentoristi sono molto accoglienti e in chiesa offrono un servizio per accostarsi al sacramento della Confessione. Per gli orari del santuario o per richiedere la visita del meraviglioso chiostro francescano, rivolgersi a questo numero tel. 045 7150160. Altre info di contatto sul sito internet www.santuariobussolengo.it

Prima di partire - Consigli

Il percorso di 17 km è quasi interamente ombreggiato, con alcuni tratti esposti al sole, per cui si raccomanda un equipaggiamento adatto in base alla stagione in cui lo si percorre. Si consigliano pantaloni lunghi anche in estate per via delle piante urticanti presenti lungo le sponde del fiume. Si ricorda che le sponde del fiume non sono praticabili nei periodi di piena dell’Adige e che è bene accertarsi delle condizioni meteo prima di partire.

Fontanelle
Le fonti d'acqua si trovano all’inizio del percorso in piazza Corrubio; dopo circa 4,5 km presso la Diga del Chievo; a Parona sul Lungadige 26 luglio 1944; a Pescantina in prossimità della chiesa di San Rocco. Ricordarsi di riempire la borraccia con almeno 1,5 litri d'acqua, soprattutto in estate.

Servizi di ristoro
Percorrendo il sentiero s’incontrano i centri abitati di Parona, Settimo, Pescantina e Bussolengo che offrono vari servizi di ristoro. Si consiglia comunque di portare con sé cibo e acqua.

Ospitalità
A Bussolengo è possibile chiedere di essere ospitati dai Patri Redentoristi del santuario della Madonna del Perpetuo Soccorso.

Contatti
I Padri Redentoristi sono molto accoglienti e in chiesa offrono un servizio per accostarsi al sacramento della Confessione. Per gli orari del santuario o per richiedere la visita del meraviglioso chiostro francescano, rivolgersi a questo numero tel. 045 7150160. Altre info di contatto sul sito internet www.santuariobussolengo.it

Image

Da San Zeno a Ponte Catena

Il Sentiero verso Madonna della Corona inizia davanti alla Basilica romanica di San Zeno a
Verona, che è affiancata sulla destra dalla Chiesetta di San Procolo. È questo il punto in cui
raccogliersi per ricevere la "Benedizione del Pellegrino" e intraprendere il cammino
chiedendo a San Zeno e Maria di camminare al nostro fianco.

Image

Da ascoltare - Benedizione del Pellegrino

Da ascoltare - Benedizione del Pellegrino

Da ascoltare
Benedizione del Pellegrino

Seguendo fedelmente la traccia di WikiLoc, esci dalla città attraverso Porta Catena e Porta
Fura: mentre attraversi le porte puoi ascoltare “Vai dentro di te”.

Image

Da ascoltare - Vai dentro di te

Da ascoltare - Vai dentro di te

Da ascoltare
Vai dentro di te

Image

Da Ponte Catena alla Diga del Chievo

Il cammino prosegue lungo la sponda destra dell’Adige, è questo il punto in cui raccogliersi e
ascoltare “Lasciare la città”.

Image

Da ascoltare - Lasciare la città

Da ascoltare - Lasciare la città

Da ascoltare
Lasciare la città

Il sentiero sterrato prosegue all’interno del Parco dell’Adige Nord, affiancando la sponda destra del fiume per circa 3 km fino a raggiungere il Centro sportivo Bottagisio, dove si prosegue lungo la ciclopedonale che costeggia da un lato il Canale Camuzzoni e dall’altro i campi da calcio, fino a raggiungere la Diga del Chievo. Lungo il cammino lo sguardo può scorgere sull’altra sponda del fiume il Santuario di Nostra Signora di Lourdes costruito nel secondo dopoguerra sul forte austriaco di Colle San Leonardo. Arrivati all’altezza del Ponte del Saval, si nota il grazioso Eremo di San Rocchetto, adagiato sulla collina, intitolato al Santo Protettore dei Pellegrini e facente parte delle cinque chiese che disegnavano la Verona Minor Hierusalem. San Rocchetto, infatti, ricordava ai pellegrini il Monte Calvario.
Questa prima parte del cammino stupisce fin dai primi passi: non ci si aspetta una natura così protagonista e disponibile in un contesto ancora fortemente urbanizzato. È solo un preludio dei successivi tratti di cammino che regalano un grande impatto immersivo, percettivo e multisensoriale. Giunti all’altezza di Chievo è possibile fare una sosta uscendo solo per qualche centinaio di metri dal percorso per entrare in paese e visitare la Chiesa parrocchiale di Sant’Antonio Abate con il bel ciclo pittorico della “Via Crucis”, opera dei pittori Agostino Pegrassi e Adolfo Mattielli.

Logistica: prima di oltrepassare la Diga si possono riempire le borracce presso le fontanelle che si trovano a conclusione della ciclopedonale e al termine della diga, sulla sinistra.

Image

Dalla Diga del Chievo a Settimo di Pescantina

Arrivando in prossimità della diga potrai riempire la borraccia di acqua fresca e fare una sosta
nel piccolo parco sulla sinistra. Prima di attraversare la diga, ascolta “La lotta con Dio”.

Image

Da ascoltare - La lotta con Dio

Da ascoltare - La lotta con Dio

Da ascoltare
La lotta con Dio

Attraversata la diga prosegui a sinistra, percorrerai il sentiero immerso in un suggestivo contesto fluviale e naturale che regala scenari sempre più selvaggi man mano che ci si inoltra fino a Parona. Il battuto del calpestio è talvolta formato da depositi sabbiosi e limosi portati dalla corrente del fiume e, in alcuni tratti, emerge l’originario acciottolato della Strada Alzaia. Raggiungerai dopo un tratto di cammino l’ex mulino Nassar e il capitello dedicato a Sant’Antonio, il punto giusto per raccogliersi e ascoltare: “In cammino con i Santi”.

Image

Da ascoltare - In cammino con i Santi

Da ascoltare - In cammino con i Santi

Da ascoltare
In cammino con i Santi

Image

Da Settimo di Pescantina a Bussolengo

Prosegui il percorso immerso nella natura per alcuni chilometri fino ad intravedere le prime
abitazioni di Pescantina. Prima di entrare in città, fermati un momento per ascoltare “Inurbanizzarsi”.

Image

Da ascoltare - In-urbanizzarsi

Da ascoltare - In-urbanizzarsi

Da ascoltare
In-urbanizzarsi

Entrato in città incontrerai la chiesa di San Rocco.
Il passaggio dalla natura all’ambiente cittadino non è scontato e offre sensazioni che vanno meditate, assieme alla domanda su quale sia il modo d’introdursi nei luoghi urbani da pellegrini: si può comunicare un messaggio, anche con la sola presenza. Si può sostare nella chiesetta per un momento di preghiera, ringraziare del percorso fatto e affidare quello che rimane.

Image

Da ascoltare - San Rocco

Da ascoltare - San Rocco

Da ascoltare
San Rocco

Continuando sul Lungadige Giacopini, prima delle scalette che ridiscendono sull’Alzaia, si trova una fontanella d’acqua. Il percorso prosegue dentro il paese e si dirige verso l’attraversamento del ponte che collega Pescantina a Bussolengo.
Entrati a Bussolengo, raggiungere il santuario dei padri Redentoristi. Davanti all’icona della Madonna posta nel cortile del santuario, potrai ascoltare “La Madonna del Perpetuo Soccorso”.

Logistica: i Padri Redentoristi sono molto accoglienti e disposti ad ospitare nel loro ostello. Hanno un parco retrostante meraviglioso, ombreggiato, con i servizi e con ampio panorama sulla Valpolicella; è una tappa ideale per una sosta con pranzo al sacco.

Image

Da ascoltare - La Madonna del Perpetuo Soccorso

Da ascoltare - La Madonna del Perpetuo Soccorso

Da ascoltare
La Madonna del Perpetuo Soccorso

Il Gesto

Chiedi alla portineria del Santuario di poter accedere al Chiostro Francescano. Mettiti in cammino, lento, meditativo e in silenzio, nel Chiostro francescano del Convento del Santuario della Madonna del Perpetuo Soccorso. Completa tutto il quadrato, contempla la storia di San Francesco.

Image

Da ascoltare - In cammino nel chiostro

Da ascoltare - In cammino nel chiostro

Da ascoltare
In cammino nel chiostro